Nausea, sudorazione e vomito in piscina: cosa fare?

Buongiorno Dottore, la disturbo per un suo consiglio.
Ho 62 anni sono in discreta salute, prendo solo la pasticca per la pressione perché è leggermente alta.
Non fumo e non bevo alcolici. Diversi anni fa ho avuto il fuoco di Sant’Antonio che mi ha colpito l’orecchio destro con perforazione del timpano poi rimarginata. Il virus ha poi interessato anche il labirinto ma non ho più avuto problemi di equilibrio da allora.
E’ già la seconda volta che cerco di prendere il brevetto di primo grado ma non riesco a finire le lezioni in piscina.
Il mio problema è la nausea accompagnata da sudorazione profusa e vomito non appena esco dalla vasca.
Ho provato a immergermi a digiuno, a stomaco mezzo pieno ma il risultato è  sempre lo stesso.

Ho pensato di rivolgermi a lei vista la sua esperienza sulle immersioni, spero in un suo consiglio.

Cordiali saluti, Fausto



Una risposta a “Nausea, sudorazione e vomito in piscina: cosa fare?”

  1. Ferruccio Di Donato on

    Risponde il Direttore Sanitario del Centro Iperbarico di Bologna, dott. Ferruccio Di Donato
    Laurea in Medicina e Chirurgia Università di Bologna
    Specializzazione in Medicina del Nuoto e delle attività subacquee – istituto di fisiologia umana Università di Chieti
    Ordine Dei Medici di Bologna N° 11812

    Buongiorno Fausto,
    il nuoto è una delle mie più grandi passioni, per questo leggere la sua richiesta mi coinvolge molto.
    Mi accorgo subito, però, che mancano alcune informazioni che servirebbero per evitare errori.

    Visto che, a quanto scrive, va in piscina semplicemente per nuotare e non per fare esercizi particolari a testa in giù o capriole, credo che nausea e vomito derivino da un labirinto compromesso a causa del virus herpes zoster, responsabile del fuoco di Sant’Antonio.

    I sintomi possono però derivare anche da altre patologie che non conosce o che non ha citato.
    Per capire meglio di cosa si tratta le suggerisco di fare un elettrocardiogramma (ECG) da sforzo, prove di funzionalità respiratoria ed esami di sangue di routine.
    Se li ha già fatti e sono nella norma, è possibile che il problema dipenda dall’incompleto compenso vestibolare che è conseguenza del danno al labirinto.
    In questo caso bisognerebbe contattare un vestibologo che la segua anche a bordo vasca in modo da capire quali sono le posizioni che scatenano la nausea.

    Rimango a sua disposizione per completare questa chiacchierata, mi faccia sapere come procedono le sue nuotate!

    Saluti
    Dott. Ferruccio Di Donato

    Rispondi

Rispondi

  • (will not be published)

Seguici su Facebook

Il Centro Iperbarico di Bologna è convenzionato con DAN Europe

Iscriviti alla Newsletter del Centro Iperbarico di Bologna

* = campo richiesto!

Archivi