Infezione dopo intervento a seguito di una fattura multipla, la camera iperbarica può far stare meglio Patrizia?

Buongiorno

ho una infezione alla gamba sinistra per un intervento di frattura multipla. Ho fatto la pulizia chirurgica e forti dosi di antibiotico ma ho avuto l’avvelenamento.
Ora permane ancora un po’ di infezione da epidermus. Vorrei sapere, visto che me l’ha consigliato il mio medico di base, se può essere utile la camera iperbarica.

Grazie

Patrizia



Una risposta a “Infezione dopo intervento a seguito di una fattura multipla, la camera iperbarica può far stare meglio Patrizia?”

  1. Alessandra Morelli on

    Risponde la dott.ssa Alessandra Morelli
    Laurea in Medicina e Chirurgia Università di Bologna
    Specializzazione in Chirurgia Generale Università di Bologna
    Ordine Dei Medici di Bologna N° 15985

    Buongiorno a lei, Patrizia.
    Come faccio spesso, premetto che avrei bisogno di poter ricostruire tutta la sua storia visitandola e leggendo i referti dei medici che l’hanno seguita sinora, per poter inquadrare il suo caso in maniera attendibile.
    Tuttavia, mi sembra di potermi orientare lo stesso, sulla base di ciò che mi scrive.
    Le fratture complesse comportano, fra le possibili conseguenze, la possibilità di un’infezione dell’osso (osteite/osteomielite), ma anche dei tessuti molli che lo circondano.
    Entrambi vanno incontro ad una vera e propria mortificazione, in seguito al trauma, che è un fattore predisponente per la colonizzazione batterica.
    Se questa è così forte da vincere le difese dell’organismo, prende piede una vera e propria infezione.
    Uno dei batteri che più frequentemente provocano questa condizione è lo Staphylococcus epidermidis, che mi sembra di capire sia quello riscontrato nel suo caso.
    Quando un osso si infetta, può iniziare un percorso lungo e travagliato per la persona a cui appartiene. Purtroppo, la compattezza, caratteristica del tessuto che costituisce l’osso, limita il numero dei vasi che lo nutrono e le connessioni fra di essi. Anche questo è un fattore di predisposizione per le infezioni.
    Ed ancora, la vascolarizzazione relativamente scarsa rende difficile che un antibiotico raggiunga una concentrazione ottimale in tal sede.
    Ecco perché il trattamento farmacologico è esteso nel tempo e richiede alte dosi ed ecco perché, il più delle volte, bisogna sottoporsi ad uno o più interventi di pulizia chirurgica.
    In questo difficile contesto, sta sempre più emergendo in questi ultimi anni il ruolo dell’ossigenoterapia iperbarica. Associarla al percorso che ho illustrato e che lei ha già intrapreso fa parte di un moderno approccio, che coinvolge insieme diversi specialisti (l’ortopedico, l’infettivologo, il medico iperbarico, talvolta, anche il chirurgo plastico) ed, ovviamente, il medico di base.
    Mi dispiace che la terapia antibiotica abbia portato, nel suo caso, ad un qualche tipo di tossicità o reazione avversa. Uno degli obiettivi che il trattamento in camera iperbarica può raggiungere è di ottenere il controllo delle infezioni (compresa l’osteomielite) impiegando gli antibiotici, che dovranno comunque essere associati ma in dosi minori e per periodi meno lunghi. Questo perché tali farmaci e l’ossigeno potenziano reciprocamente il proprio effetto.
    È documentato che pazienti affetti da infezioni dell’osso, se assumono una terapia antibiotica, vengono operati e si sottopongono, nello stesso periodo, a cicli di terapia iperbarica, hanno molte più probabilità di guarire rispetto a quelli che non associno quest’ultimo genere di cura.
    La stessa cosa è stata riscontrata nelle gravi infezioni dei tessuti molli.
    In realtà, non so in quale di queste due condizioni lei si trovi. Se vorrà, la visiteremo presso il nostro Centro per cercare di capire meglio e vedere se nel suo particolare caso ci sono le condizioni fisiche e l’indicazione per l’ossigenoterapia iperbarica. Il numero è della nostra segreteria è 051/0544698.
    Le faccio i miei migliori auguri di risolvere questo impegnativo problema,
    Dott. Alessandra Morelli

    Rispondi

Rispondi

  • (will not be published)

Seguici su Facebook

Il Centro Iperbarico di Bologna è convenzionato con DAN Europe

Iscriviti alla Newsletter del Centro Iperbarico di Bologna

* = campo richiesto!

Archivi