fbpx

Obesità, elefantiasi e ulcere croniche cosa si può fare in un quadro del genere?

Salve,

Vi sottopongo brevemente il caso di mia madre, di aa.71, obesa, affetta da elefantiasi ed ulcere croniche in un quadro di insufficienza del circolo linfatico.
Dall’ecocolor doppler non risulta deficit della circolazione venosa. Le due ulcere, localizzate all’arto inferiore sx., ormai cronoche (persistenti da oltre 10 mesi, trattate con medicazioni avanzate (Suprasorb Ag, Garza Iodoformica, Urgotull Ag) risultano ora nuovamente infette (pseudomonas aureginosa) e poco rispondenti al trattamento antibiotico (gentamicina e azitromicina). Poiché già solo rispetto a 5 mesi fa vi è stato un notevole peggioramento delle lesioni, l’esperto vascolare ritiene possa esserci l’indicazione al trattamento con ossigeno iperbarico. La paziente soffre di moderata ipertensione ben controllata con ramipril 10mg/die. Non diabete, non pregressi episodi flogistici acuti ORL, né all’ apparato respiratorio. Non pregresso emopneumotorace. Pressione endoculare n.n.

Nella speranza di avervi fornito quanti più elementi utili possibili, Vi chiedo se effettivamente concordate circa l’utilità di un trattamento con OTI.

Se sí, Vi prego inoltre di volermi indicare -modalità di prenotazione a carico del SSN e tempi di attesa oltre che l’eventuale durata standard del trattamento.

Grazie infinite,

Federica

Una replica a “Obesità, elefantiasi e ulcere croniche cosa si può fare in un quadro del genere?”

  1. Risponde il Dr. Giorgios Vertsonis
    Laurea in Medicina e Chirurgia Università di Bologna,
    Specializzazione in Idrologia medica Università di Parma
    Ordine Dei Medici di Bologna N° 14047

    Buongiorno Federica,
    mi dispiace per i disagio di sua madre, ma la ringrazio per avermi contattato perché la sua richiesta di informazioni mi permette di fornire alcuni chiarimenti che possono essere utili anche ad altri pazienti.
    Le cause dell’elefantiasi possono essere infiammatorie (es. linfangite), meccaniche (compressione provocata da masse), parassitarie (filaria) o secondarie a malformazioni del circolo linfatico.
    A prescindere dalla causa, l’arresto della circolazione della linfa che ne deriva provoca un edema progressivamente sempre più duro della gamba, che nelle forme estreme assume l’aspetto di una zampa di elefante.

    Le ulcere croniche e attualmente infette di sua madre, sono la manifestazione ben visibile e disagevole di un quadro di severa stasi linfatica cronica.

    L’ossigenoterapia iperbarica consiste nell’erogazione di ossigeno puro o di miscele d’aria arricchita in ossigeno (miscele iperossiche) all’interno di camere pressurizzate. Per via di un noto principio fisico, l’incremento della pressione di un gas ne consente una sua maggiore diffusione attraverso una membrana. Così in ambiente iperbarico si ottiene un’ossigenazione del sangue molto superiore al normale. Ad elevate concentrazioni, l’ossigeno espleta effetti farmacologici sistemici come azione anti-infiammatoria, antibatterica, di stimolo della sintesi proteica e di richiamo di cellule specifiche che possono favorire i processi di riparazione tissutale.

    Presso il nostro Centro abbiamo già trattato pazienti con quadri clinici simili, dove l’ossigenoterapia iperbarica coadiuvata da regolari medicazioni elastrocompressive, terapia antibiotica sistemica e linfodrenaggio ha permesso il miglioramento del lesioni cutanee, accelerando i tempi di riparazione tissutale.

    Una visita medica d’inquadramento ci darà la possibilità di comprendere meglio l’attuale quadro clinico di sua madre e individuare eventuali controindicazioni al trattamento. Inoltre ci darà la possibilità di individuare il piano terapeutico migliore da adottare.

    Se deciderà di affidare sua madre alle nostre cure, può contattare la nostra segreteria al numero 051/6061240 per avere maggiori informazioni e per fissare un appuntamento.

    Rimango a sua completa disposizione per ogni suo dubbio
    Dott. Georgios Vertsonis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su Facebook

Il Centro Iperbarico di Bologna è convenzionato con DAN Europe

Archivi