Osteonecrosi bilaterale alla testa dell’omero: l’ossigenoterapia può aiutare Alessio

Buongiorno,

ho 45 anni e soffro di osteonecrosi bilaterale alla testa dell’omero. Per me è molto invalidante e dolorante nonostante la fisioterapia e le iniezioni di acido ialuronico. Ho perso parecchio tono muscolare a causa dell’ inattività. Secondo lei potrebbe essermi di aiuto la camera iperbarica per riuscire per riottenere una vita familiare, sociale e lavorativa dignitosa?

Grazie. Saluti

Alessio da Como


 



Una risposta a “Osteonecrosi bilaterale alla testa dell’omero: l’ossigenoterapia può aiutare Alessio”

  1. Luigi Santarella on

    Risponde il dott. Luigi Santarella,
    Laurea in Medicina e Chirurgia Università di Bologna,
    Ordine Dei Medici di Ravenna N° 3151

    Caro Alessio
    Mi dispiace molto per la tua situazione, a quanto pare la patologia di cui sei affetto sta veramente invalidando la tua qualità di vita.
    La l’ossigenoterapia iperbarica può essere un valido aiuto per migliorare la tua condizione.

    Il meccanismo fisiopatologico alla base dell’osteonecrosi asettica non è ancora ben chiarito, ma l’effetto comune è una progressiva ostruzione della rete vascolare dell’osso, la cui conseguenza diretta è la crescente sofferenza dell’osso che può portare alla morte cellulare, cioè alla “necrosi”.

    Sarebbe necessario, per avere un quadro più completo, avere informazioni sulle possibile cause che hanno generato questa patologia, per esempio: fratture, lussazioni, terapie cortisoniche e altre patologie che sono correlate col meccanismo fisiopatologico che determina questa malattia.

    Alla luce di questi chiarimenti la terapia con ossigeno iperbarico è di certo appropriata come terapia conservativa in questa patologia.
    L’OTI stimola numerose azioni sul metabolismo dell’osso e sull’infiammazione.

    Nello schema qui sotto puoi vedere le azioni dell’ossigenoterapia sul metabolismo dell’osso dimostrate nella letteratura scientifica.
    Lo scopo dell’OTI quindi è di ridurre l’infiammazione e l’edema osseo e di conseguenza ridurre il dolore, il danno ischemico e, migliorando il turn-over osseo, favorire l’ossificazione della parte danneggiata.
    http://www.iperbaricobologna.it/wordpress/wp-content/uploads/2016/05/razionale_oti.png

    Il mio consiglio è prima di tutto di fare una radiografia e una risonanza magnetica delle spalle per verificare lo stato di malattia e poi contattare un centro iperbarico di fiducia.

    Il Centro Iperbarico Bologna è a tua disposizione per una valutazione del caso ed eventualmente procedere con i protocolli terapeutici previsti per questa patologia, il numero della nostra segreteria è 051 606124.

    Cari saluti
    Dott. Luigi Santarella

    Rispondi

Rispondi

  • (will not be published)

Seguici su Facebook

Il Centro Iperbarico di Bologna è convenzionato con DAN Europe

Iscriviti alla Newsletter del Centro Iperbarico di Bologna

* = campo richiesto!

Archivi