Alessia soffre della malattia di Crohn ma può trovare benefici nell’ossigenoterapia

Buongiorno dottoressa,

sono Alessia e la contatto sperando che mi possa aiutare, se non a risolvere, almeno ad alleviare i fastidiosi disturbi di cui soffro da almeno 10 anni.

Ora ho 35 anni, tutto è iniziato nel marzo 2006, alcuni mesi dopo aver partorito il mio secondo figlio.
Ho iniziato ad avere forti dolori alla pancia tipo crampi e spesso avevo diarrea, con a volte tracce di sangue.
Per sintetizzare al massimo: dopo numerosi test e visite specialistiche mi è stata diagnosticata la malattia di Crohn.

In questi anni ho seguito molte cure e fortunatamente ho potuto avere una vita abbastanza regolare. Purtroppo nelle ultime settimane la malattia si è “riaccesa” ed è accompagnata da fastidiosi dolori alle grosse articolazioni, mi hanno detto che possono essere in relazione alla mia malattia.
Sto cercando dei possibili rimedi alternativi ai soliti farmaci che uso: sono stanca di dover sempre avere a che fare con cortisone, antiinfiammatori e a volte antibiotici.

Cercando in rete ho scoperto l’esistenza dell’ossigenoterapia iperbarica.
Crede che questa terapia potrebbe essere utile nel mio caso e, se sì, quanto tempo dovrebbe durare il trattamento?

La ringrazio anticipatamente.

Alessia



Una risposta a “Alessia soffre della malattia di Crohn ma può trovare benefici nell’ossigenoterapia”

  1. Nadia Franchini on

    Risponde la dott. Nadia Franchini,
    Laurea in Medicina e Chirurgia Università di Bologna,
    Specializzazione in oncologia Università di Bologna
    Ordine Dei Medici di Bologna N° 10362

    Salve Alessia,
    posso immaginare quanto tu sia ansiosa di trovare una risposta valida a questa continua ricerca di soluzioni per la malattia di cui soffre da tanti anni.
    Il morbo di Crohn, o enterite regionale, è una malattia infiammatoria cronica che interessa l’intestino, principalmente nella sua parte più prossimale, il tenue, ma a volte anche nella parte più distale (intestino crasso).
    Questa malattia procura stenosi, granulomi e a volte ulcerazioni a livello della mucosa intestinale, si manifesta con dolori addominali, a volte anche molto importanti, seguiti da emissione di feci liquide, a volte con tracce ematiche, perdita di peso, facile affaticabilità.
    Non è poi raro che vengano coinvolti anche di altri organi e apparati: le articolazioni (artriti), la cute, gli occhi.
    L’andamento della malattia vede periodi di benessere anche lunghi, alternati a periodi di riacutizzazione dei sintomi, che è quello che sta succedendo a te in questo momento.
    Perché succeda questo non è chiarissimo: è comunque considerata una malattia autoimmune, in cui cioè l’organismo “aggredisce se stesso”, così come sembrano importanti fattori genetici e ambientali e sia influenzato dallo stile di vita.

    Per quanto riguarda l’uso dell’ossigenoterapia iperbarica, posso dirti che ci sono i presupposti perché possa funzionare, grazie all’azione antiinfiammatoria e alla tendenza a potenziare i meccanismi di riparazione tessutale.
    L’OTI poi stimola la neoangiogenesi, cioè la creazione di nuovi vasi sanguigni, molto importante nel suo caso visto che nel morbo di Crohn sembra ci sia un danno a livello del microcircolo della parete intestinale.

    Viste queste ragioni io ti invito senz’altro a contattare il nostro Centro per prenotare una prima visita, il numero della nostra segreteria è 051 6061240.
    Ti devo però anche informare del fatto che le patologie infiammatorie intestinali non fanno parte di quelle che vengono rimborsate dal SSN,per cui è necessario creare un piano terapeutico personalizzato che sicuramente prevederà almeno 20 sedute iniziali e una successiva rivalutazione clinica.

    Sperando di vederti presto al nostro Centro, ti mando un cordiale saluto.

    Dott.ssa Nadia Franchini

    Rispondi

Rispondi

  • (will not be published)

Seguici su Facebook

Il Centro Iperbarico di Bologna è convenzionato con DAN Europe

Iscriviti alla Newsletter del Centro Iperbarico di Bologna

* = campo richiesto!

Archivi