Problemi all’anca: è necessario operare subito?

Buonasera gentilissimi dottori,
sono una ragazza di 39 anni vi scrivo perché da molto tempo soffro di un forte dolore all’anca a destra, tanto che a volte non riesco a camminare.

Ho effettuato in totale due risonanze magnetiche: una nel 2013 e l’altra recentemente.

Vi scrivo il referto dell’ultima risonanza:
al controllo attuale si apprezza modesto incremento dimensionale dell’area di osteonecrosi della testa del femore di destra che attualmente mostra diametro trasverso di mm20 vs 15 mm del precedente con accentuazione della condropatia e comparsa di geode sub condrale del diametro trasverso max 8 mm circa. Regolare l’articolazione coxo femorale di destra e le sincondrosi sacro iliache e la sinfisi pubica.

Vorrei un vostro consiglio su come muovermi: è il caso di fare qualche terapia o intervento più soft o procedere direttamente alla sostituzione dell’anca?
Cordiali saluti.

Lucia

 



Una risposta a “Problemi all’anca: è necessario operare subito?”

  1. Luigi Santarella on

    Risponde il dott. Luigi Santarella,
    Laurea in Medicina e Chirurgia Università di Bologna,
    Ordine Dei Medici di Ravenna N° 3151

    Cara Lucia, grazie della stima,

    il quadro clinico che mi esponi rende chiaro come la patologia di cui sei affetta stia influenzando negativamente la tua qualità di vita.

    Per valutare al meglio la tua situazione è necessaria un’attenta valutazione da parte di specialisti ortopedici, fisiatri e del medico iperbarico.

    È fondamentale avere un perfetto quadro diagnostico della patologia che ti affligge, così potremo indicarti l’approccio terapeutico migliore basandoci sulla sintomatologia e sul grado di gravità del danno osseo.

    Per quanto riguarda l’impiego di ossigenoterapia iperbarica, in particolare, la letteratura scientifica dimostra la sua efficacia fino a un determinato grado di gravità. Grazie alle azioni di stimolo delle cellule staminali con neovascolarizzazione, azione antiedemigena e di stimolo alla mineralizzazione ossea, l’ossigenoterapia iperbarica è utilizzata di routine con ottimi risultati.

    Il secondo aspetto da considerare, non meno importante, è la ricerca delle possibili cause che possono aver determinato questa patologia e approntare un percorso diagnostico terapeutico appropriato per modificarle.

    Nel tuo caso specifico non è possibile valutare il grado di gravità dell’osteonecrosi che ti affligge dal solo referto di risonanza magnetica, anche se sembrerebbe che il danno sia in peggioramento e che determini un quadro degenerativo progressivo.
    Perciò il mio consiglio è di intraprendere un percorso terapeutico multidisciplinareche inquadri al meglio la tua patologia e le eventuali cause scatenanti per sviluppare il percorso terapeutico più appropriato per il tuo caso.
    Se vorrai rivolgerti a noi medici del Centro Iperbarico Bologna puoi contattare la nostra segreteria al numero 051 6061240
    Un grande in bocca al lupo

    Cari saluti
    Dott. Luigi Santarella

    Rispondi

Rispondi

  • (will not be published)

Seguici su Facebook

Il Centro Iperbarico di Bologna è convenzionato con DAN Europe

Iscriviti alla Newsletter del Centro Iperbarico di Bologna

* = campo richiesto!

Archivi