fbpx

Estate, tempo di immersioni: i consigli del Dott. Di Donato

La bella stagione è ormai alle porte e con lei arriva anche il tempo perfetto per fare delle immersioni.
Molti dei nostri lettori praticano l’attività subacquea, sia come hobby che per lavoro, ed è importante ricordarsi di immergersi in sicurezza e di seguire attentamente controlli e indicazioni per prepararsi adeguatamente alle immersioni.

Abbiamo intervistato il Dott. Di Donato, Direttore Sanitario del Centro Iperbarico di Bologba e gli abbiamo chiesto di spiegarci quali sono i controlli che un sub dovrebbe fare prima di iniziare a praticare attività subacquea e quali regole bisogna seguire per fare una buona immersione.

immersioni iperbarico bologna

Dott. Di Donato, con l’arrivo della bella stagione inizia anche la stagione della subacquea, quali sono i controlli che dovrebbe fare un subacqueo prima di immergersi?

Se pensiamo all’immersione subacquea con autorespiratori effettuata nell’ambito ricreativo, pensiamo ad un’attività che non dovrebbe comportare sforzi fisici intensi, ma ciò non deve far supporre che possa essere sempre affrontata senza precauzioni.
L’immersione subacquea è un’attività praticata in un ambiente speciale (sotto la superficie del mare) nel quale non sempre ci troviamo a nostro agio e dove eventi imprevisti potrebbero costringerci a un improvviso aumento della performance fisica, come in caso di correnti inattese o per la necessità dare assistenza a un compagno in difficoltà.
Inoltre, dobbiamo considerare che l’età media dei subacquei ricreativi è abbastanza elevata e questo aumenta la necessità di effettuare controlli.
Ciò premesso, ritengo che l’elettrocardiogramma da sforzo sia sempre necessario, così come è necessaria una valutazione dell’apparato uditivo per verificare la possibilità di compensare senza inconvenienti.
Sarà, inoltre, utile effettuare una spirometria e gli esami del sangue di routine, il così detto profilo C, per controllare il metabolismo degli zuccheri, i grassi del sangue, la funzione renale e l’emocromo.

Quali attenzioni particolari bisogno avere e quali regole bisogna seguire per immergersi?

Sempre pensando all’immersione con autorespiratori, mi sento di dare due importanti consigli ai subacquei, in vista dell’estate.

Il primo è quello di frequentare un corso qualificato e affidarsi a un bravo istruttore, che non si limiti a metterci in condizione di andare sott’acqua a godere del fascino del mare, ma che ci faccia comprendere ciò che stiamo facendo, perché la consapevolezza è il primo fondamentale presupposto per la sicurezza.
Il secondo consiglio comporta un minimo preambolo.
L’immersione subacquea con autorespiratori è uno sport bello e sicuro, quando si pratica seguendo le rigide regole della decompressione e assecondando alcune importanti norme di prudenza. Purtroppo, accade spesso che le norme di prudenza vengano del tutto o in parte derogate, non essendo del tutto vincolanti e rappresentando un intralcio alla ottimale gestione dell’aspetto ludico-ricreativo della subacquea.
Bene, il secondo consiglio è quello di non derogare alle norme di prudenza, per essere certi di praticare uno sport assolutamente sicuro.

A quali norme mi riferisco? È presto detto:

  • immergersi solo quando si è riposati e in buone condizioni di salute;
  • fare immersioni in curva di sicurezza ed evitare profili a yo-yo;
  • quando si faccia più di un’immersione al giorno, la prima dovrà essere la più profonda e l’intervallo in superficie il più lungo possibile, 3 ore o più;
  • bere molta acqua;
    mantenersi in buona efficienza fisica, non fumare e non abusare di alcolici;
  • dopo l’emersione non fare sforzi fisici intensi e non cuocersi al sole;
  • ricordarsi che siamo in vacanza e non ai lavori forzati; ogni tanto un po di riposo non guasta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su Facebook

Il Centro Iperbarico di Bologna è convenzionato con DAN Europe

Archivi