fbpx

Ipoacusia e acufene da barotrauma: come curarli?

Salve Dottore, circa un mese fa’, in seguito ad un’immersione in apnea a pochi metri (2/3), ho avvertito un fischio continuo all’orecchio con abbassamento dell’udito e senso di ovattamento. 

Dopo 3 giorni sono andato dall’otorino che mi ha prescritto una cura di cortisone, due volte al giorno.

Dopo 5 giorni sono tornato per una visita perché il problema risultava sempre presente. Dopo esame audiometrico l’otorino mi ha consigliato di fare subito un ciclo di camera iperbarica.

5 giorni dopo la visita ha iniziato il trattamento con camera iperbarica associata a cortisone. Ho fatto  8 sedute, ma il fischio è sempre presente; l’udito invece sembra leggermente migliorato.
Alla luce di ciò, mi consiglia di continuare il trattamento OTI? Sarà efficace anche sull’acufene oppure no?

Nel frattempo mi hanno fatto sospendere il cortisone e sto assumendo degli integratori per l’acufene.

La ringrazio per la risposta.
Cordiali saluti

Una replica a “Ipoacusia e acufene da barotrauma: come curarli?”

  1. Risponde il Direttore Sanitario del Centro Iperbarico di Bologna, dott. Ferruccio Di Donato
    Laurea in Medicina e Chirurgia Università di Bologna
    Specializzazione in Medicina del Nuoto e delle attività subacquee – istituto di fisiologia umana Università di Chieti
    Ordine Dei Medici di Bologna N° 11812

    Buon Giorno Antonino,
    capisco la tua preoccupazione per la presenza di un sintomo, l’acufene, che è estremamente disturbate, ma purtroppo non è possibile fare previsioni.

    Posso confermare, senza ombra di dubbio, che il trattamento che ti è stato proposto è corretto e che il protocollo di ossigeno terapia iperbarica dovrebbe essere effettuato in maniera completa, ovvero fino a un massimo di 20 – 25 sedute, con una valutazione intermedia a metà ciclo.

    L’eventuale completamento del protocollo, viene deciso a controllo intermedio in base alla risposta clinica ottenuta: in caso di beneficio parziale sulla soglia uditiva e/o sull’intensità dell’acufene, è consigliabile completare il trattamento.

    Nella nostra esperienza, in casi simili, l’eventuale acufene residuo ha continuato a migliorare, risultando meno intenso e meno disturbante, anche nei mesi successivi al termine del trattamento in camera iperbarica.

    Saluti
    Ferruccio Di Donato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su Facebook

Il Centro Iperbarico di Bologna è convenzionato con DAN Europe

Archivi