fbpx

Acufene cronico all’orecchio sinistro: è ancora possibile curarlo?

Buongiorno,
da due anni lotto con un acufene all’orecchio sinistro. Non ho riscontrato perdita di udito.

Ho già provato con due byte diversi, visite otorino, diversi farmaci e diverse discipline come yoga, ipnosi medica, sedute psicologiche e agopuntura.

Ogni tanto scompare, ma a volte è così forte che mi sveglia di notte. Fatico molto a concentrarmi sul lavoro. Soffro di click all’ATM (Articolazione Temporo Mandibolare).

Chiedo aiuto perché sono veramente stremata da questo fischio. l’orecchio mi fa duole.
Ho fatto RM con MDC, ma non hanno trovato nulla di anomalo.

Grazie mille.
Sabrina

Una replica a “Acufene cronico all’orecchio sinistro: è ancora possibile curarlo?”

  1. Risponde il Direttore Sanitario del Centro Iperbarico di Bologna, dott. Ferruccio Di Donato
    Laurea in Medicina e Chirurgia Università di Bologna
    Specializzazione in Medicina del Nuoto e delle attività subacquee – istituto di fisiologia umana Università di Chieti
    Ordine Dei Medici di Bologna N° 11812

    Buongiorno Sabrina,
    da ciò che scrive, è stato ipotizzato che l’origine dell’acufene sia nella disfunzione dell’articolazione temporo mandibolare (ATM), cosa possibile ma non certa; poiché tutti i tentativi terapeutici sin ora, correttamente effettuati, non hanno dato beneficio; allora, forse, le cause dell’acufene potrebbe essere altrove.

    Se l’acufene è presente da due anni, ormai, è un acufene cronico e la possibilità di eliminarlo è piuttosto bassa.
    Noi proponiamo l’ossigeno terapia iperbarica (OTI) ai pazienti con acufene di recente insorgenza (alcuni mesi) mentre per i casi di forte e invalidante acufene cronico proponiamo l’associazione di OTI con il metodo Tomatis, un metodo di stimolazione neurosensoriale, basato sulla somministrazione di suoni modulati in base alla frequenza e all’intensità dell’acufene.

    Il razionale del metodo Tomatis è indurre la mente del paziente ad allontanare l’attenzione dall’acufene; mentre, il razionale di OTI è stimolare la plasticità neuronale per rendere più efficace la neuro stimolazione.

    Per informazioni più dettagliate sul suo caso, e per prenotare una visita, non esiti a contattarci scrivendo a info@iperbaricobologna.it o chiamando al 051 6061240.

    Saluti
    Ferruccio Di Donato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su Facebook

Il Centro Iperbarico di Bologna è convenzionato con DAN Europe

Archivi